Chi sono: Quaranta Raggi

Accessori motociclette Sassari

  • Quaranta Raggi Sassari: la bottega delle motociclette


    Da sempre affascinato e appassionato dal mondo delle motociclette non convenzionali, fin da ragazzino vedevo le moto come un mezzo per poter andar oltre, alla ricerca di spazi sconosciuti. Ho sempre amato il “viaggio”, considerandolo non come una meta, ma come un trasferimento. Il piacere di stare alla guida di una motocicletta e assaporare i profumi e i paesaggi circostanti, inizia sin da piccolo. Infatti, cavalco le due ruote all’età di 14 anni, alla guida della prima Vespa 50. Sono questi gli anni delle scorribande con i vecchi compagni di scuola, delle prime ragazzine e dei primi amori.



    A 16 anni la svolta. Guidato da mio padre, decido di prendere la patente e inizio a guidare un veicolo targato ed assicurato. Arriva il mitico ‘Vespone 125’! Enorme, imponente, veloce e con la possibilità di fare tanta strada. Ed è proprio da qui che inizia un percorso infinito, fatto di viaggi e nuove amicizie, segnato soprattutto da una crescita motociclistica. Intorno ai 20 anni, con il primo lavoro acquisto una vera motocicletta, una Moto Guzzi 350 custom di terza mano, molto più imponente del vespone, in grado di condurmi verso viaggi più lunghi. 

  • chi sono
  • Da qui l’idea di una motocicletta che dovesse essere diversa dalle altre, unica. In quegli anni, la cultura del custom era una cosa rarissima nella mia città. Le informazioni e le idee in questo campo non erano facilmente reperibili. L’unica strada da seguire per approfondire e conoscere di più era andare fuori o cercare riviste di settore indipendenti. Durante i primi viaggi nella penisola, sfogliando una rivista custom che distribuiva le copie solo per corrispondenza, decido di abbonarmi immediatamente, nonostante i tempi lunghissimi, tra una rivista e l’altra. 


    All’interno di questa rivista bimestrale, tante fotografie di motociclette trasformate, incredibili Chopper, date di raduni e manifestazioni quasi tutte nel nord est italiano ed in Germania: cose mai viste ai miei tempi! La mia Moto Guzzi, ormai di colore nero, con modifiche prettamente artigianali e con pezzi di recupero trovati nei centri di demolizione era bellissima, ma era giunto il momento di passare a una cilindrata più grande. Negli anni a seguire diverse motociclette mi permisero di crescere. Ero abbonato a diverse riviste di settore. Periodici tedeschi, americani e francesi. Leggevo tantissimo: per me era importante conoscere la storia del motociclismo e della cultura del custom. Fino ad arrivare a oggi e riuscire, così, a realizzare il mio sogno: avere un negozio dedicato alla cultura custom! Quaranta Raggi di Sassari è ciò che cerchi!